per una visualizzazione ottimale allarga la finestra del tuo browser

L’equilibrio
del mare.

Sostenibilità

Essere sostenibili significa tutelare l’ambiente, cioè vivere e abitare il pianeta lasciandolo il più possibile intatto per le generazioni future.

Tutti i prodotti Moro, dalla pesca del pesce al trattamento finale, seguono rigide regole nel pieno rispetto delle norme di sostenibilità.

I tonni nuotano sempre lungo la costa guardando verso sinistra.

La sostenibilità nella pesca

La pesca del tonno è praticata da molti secoli. Nella seconda metà dell’Ottocento, però, l’impiego di strumenti e metodi di pesca invasivi ha gravemente danneggiato l’ecosistema marino, tanto che molte specie sono oggi a rischio di estinzione. Fra queste, delfini, tartarughe e squali.

Ma Moro è fiera di affermare che tutti i processi di pesca, di lavorazione e di conservazione dei suoi prodotti sono totalmente sostenibili.

La pesca sostenibile, praticata attraverso metodi e attrezzature selettive, evita qualsiasi impatto negativo sull’ecosistema marino, riducendo al minimo le catture accidentali ed evitando l’estinzione di molte specie non destinate al commercio.

Moro pesca soltanto in alcuni periodi dell’anno e in determinate aree così da favorire il naturale rinnovamento delle risorse ittiche. Non solo: durante il periodo di pesca, a bordo dei pescherecci vengono effettuati controlli mirati al rispetto delle normative ambientali.

I nostri metodi di pesca

Negli anni più recenti la pesca del tonno è diventata oggetto di discussione in quanto spesso associata alla cruenza delle mattanze e ai danni ambientali provocati dai grandi pescherecci che pescano in modo eccessivo, e senza rispettare l’equilibrio dei mari.

Moro prende le distanze da questi metodi di pesca, ai quali preferisce quella a canna, a bassissimo impatto ambientale e, in misura minore, quella con reti a circuizione senza l’uso di FAD. I “Fish Aggregating Devices”, infatti, emettono impulsi che attirano all’interno delle reti un enorme e indistinto numero di pesci e, così facendo, provocano la cattura accidentale di specie non destinate al commercio.

La pesca a canna, al contrario, è effettuata con piccoli pescherecci e i tonni vengono pescati uno a uno in modo da ridurre al minimo le catture accidentali.

In alcuni casi Moro si avvale di reti a circuizione senza FAD. Secondo questa tecnica i banchi vengono raggruppati all’interno di una grande e profonda rete circolare che viene chiusa nella parte inferiore e portata lentamente in superficie, cosicché i tonni possano essere recuperati e portati a bordo.

La Trasparenza di Moro

Quando si acquista un tonno in scatola è importante conoscere il percorso che ha fatto, dalla pesca al negozio.
È come un ciclo di vita, scritto su ogni lattina in forma di codici, che ci permette di sapere esattamente che cosa stiamo acquistando. Grazie alla tracciabilità di ogni fase del ciclo produttivo è possibile risalire fino al luogo e al periodo in cui quel tonno è stato pescato.

Clicca sulla tipologia di formato acquistato per ricevere le indicazioni sulla posizione dei codici;
sarà nostra cura inviarti le informazioni richieste.

Inserisci il codice EAN ed il lotto per completare la registrazione nel form sottostante.

Inserisci il codice EAN ed il lotto per completare la registrazione nel form sottostante.

Inserisci il codice EAN ed il lotto per completare la registrazione nel form sottostante.

  • captcha
  • Inviando i miei dati attraverso questa pagina confermo di aver letto e preso atto di quanto disposto nell’informativa privacy.

  • Autorizzo ICAT FOOD S.p.A. ad inviarmi newsletter e materiale promozionale secondo quanto disposto nell’informativa privacy.

    SiNo